MIA15 - Nomination

Fast & Furious 8 – Ora con più di tutto


Per una volta vivere alla periferia dell’impero ha i suoi vantaggi: il titolo italiano dell’ottavo Fast & Furious è Fast & Furious 8: semplice, diretto, comprensibile. Nell’originale, siccome gli autori sono sempre alla ricerca di un modo convoluto e originale di inserire il numero nel titolo, questa volta è diventato “The F8 of the Furious”, dove F8 si legge “Fate”, quindi “Il destino dei Furiosi”. Per fortuna non abbiamo seguito la traduzione letterale.

Il Presepe

Ma a parte la questione del titolo, che è abbastanza marginale, quel che conta è sapere com’è Fast & Furious 8. La risposta è semplice: è fighissimo. Ma ancora più di quello, conta sapere cos’è Fast & Furious 8, e la risposta è ancora più immediata: è uno spartiacque.

Divergo un attimo: la serie di Fast & Furious, a mio parere, è segnata da alcuni film che segnano un cambio di direzione per evitare che la ripetizione dei cliché renda la saga bolsa – cosa che, a un ritmo di un film ogni due anni, rappresenta un rischio concreto: per esempio, Tokyo Drift ha indicato la strada che non si voleva percorrere e ha celebrato l’arrivo di Justin Lin; Fast Five ha modificato la formula di Dom e Brian nemiciamici per creare il Team-Famiglia (più Dwayne Johnson) che si è ripetuto, con la stessa struttura, per i due film successivi (Famiglia contro nemico, nemico sempre più forte, la Famiglia escogita piani sempre più assurdi).

Fast & Furious 8, da parte sua, si rende conto di non poter proseguire ulteriormente nel solco dei tre episodi precedenti, e decide di cambiare. Ma intendiamoci, non è che diventa un film mumblecore di 90 minuti con Dom e Letty che parlano del loro matrimonio mentre guidano la loro Plymouth Barracuda nella San Bernardino Valley (per quanto possa essere interessante immaginarlo). Gli elementi distintivi ci sono tutti: d’altra parte sono quelli che hanno fatto la fortuna della serie e hanno talmente influenzato il mainstream che la Dodge ha presentato in questi giorni, proprio in concomitanza con l’uscita del film, la prima auto di serie in grado di impennare in accelerazione.

Sì, ma allora in cosa cambia? Innanzitutto, cambia l’avversario: esauriti i cattivi credibili, la Famiglia non può fare altro che trovarsi a lottare contro sé stessa, con Dominic nella parte del traditore. Certo, è manipolato da una nuova avversaria (la cyberterrorista Cipher) che sembra sempre un passo avanti a tutti e che dà l’impressione di essere capace di far emergere il lato selvaggio e violento di Dom, ma rappresenta comunque la sfida più difficile mai affrontata dalla squadra. Non guasta che Charlize Theron sia… beh, sia Charlize Theron: da quando appare nei panni di una turista sprovveduta durante il prologo a Cuba uno si scopre a chiedersi se la fighezza di questa donna abbia un limite. A giudicare dal seguito del film, la risposta è: no, evidentemente. La Famiglia si modifica, entrano nuovi personaggi e ne tornano di vecchi, cambiano le prospettive e si aprono altre possibilità, gettando le basi per un nuovo ciclo di episodi.

Cause di separazione

Per il resto, Fast & Furious 8 non cambia direzione: le prende tutte, aggiungendo elementi senza perdere la coesione. Le sequenze d’azione occupano l’ottanta per cento del tempo e sono tutte ancora più grosse e fracassone di quanto avessimo visto finora, e non si può dire che ci avessero trattati male. Una cosa come la gara a l’Havana, per un qualunque altro film, sarebbe la scena madre: qui è buttata lì come prologo per introdurre un personaggio marginale che riapparirà nel film per tre secondi in tutto. Le altre, inutile a dirsi, fanno alzare in piedi sulla poltroncina a dare pugni all’aria, ma non si fa in tempo a processare ciò che si è appena visto che succede qualcosa di ancora più pazzesco, fino all’apoteosi sul ghiaccio siberiano, che ha anche il vantaggio di offrire un inseguimento su di una lunga distesa non inverosimile.

[stacco sull’ideatore della pista d’aereo più lunga del mondo – in F&F6 – che si allontana fischiettando]

Trullallà

Certo, siamo più dalle parti dei supereroi o dei G.I. Joe ormai, con tanto di mezzi personalizzati per ciascun membro della famiglia pronti per diventare modellini, ma Fast & Furious 8 è completamente onesto nel suo spirito di giocattolone e non prova nemmeno a nasconderlo: d’altra parte, se i personaggi sono in grado di lanciarsi da auto in corsa come se niente fosse, tanto vale prenderne atto, esagerare e divertirsi.

Shut up and take my money

Paradossalmente, la trama – ancora più esile del solito – tiene molto meglio che nei due film precedenti: il cattivo ha un pretesto un po’ fragile, ma un piano comprensibile e addirittura consequenziale (rubo una cosa per ottenerne un’altra, che mi porta a una terza, che mi porta al compimento del piano, che al mercato mio padre comprò) e lo snodo cruciale è prevedibile, ma rende i comportamenti di Dominic  giustificati e coerenti col personaggio. Poco importa che dal momento in cui ne veniamo a conoscenza sia chiaro come andrà a finire: il piacere è nel viaggio – il che, in un film con le auto, ha un suo senso – e, anche se l’ultima rivelazione è telefonatissima, non si può trattenere una lacrimuccia. Inoltre, viene offerta una parvenza di continuità con i due capitoli precedenti e un minimo di storia al personaggio di Jason Statham, rendendo il suo ingresso nei ranghi dei buoni un po’ più logico e un po’ meno stridente (anche se ha ammazzato Han e non glielo perdonerò mai).

A proposito di morti, reali e di finzione: se l’ombra della scomparsa di Paul Walker aleggiava su tutto il settimo episodio, ora pare che la serie abbia elaborato il lutto e scopre un lato allegro e caciarone che trascende il ruolo della spalla comica designata Roman Pierce (Tyrese Gibson, a cui però è riservato un momento di redenzione) per contagiare Dwayne Johnson, Scott Eastwood e soprattutto Jason Statham, il quale si esibisce in una citazione di Shoot’em up da applausi. Il tono è generalmente più scanzonato, e con gli stunt consapevoli della propria assurdità riesce – non so come – a restare in equilibrio con i momenti più cupi senza lasciare l’impressione di incoerenza o disorganicità. Peraltro, la bromance Statham – Johnson si mangia il film tutte le volte che i due sono insieme e spero che ci sia spazio per esplorarla più a fondo in seguito.

A dirigere, questa volta, c’è F. Gary Gray: un miglioramento dopo il mezzo passo falso di James Wan. L’azione è più pulita, le caratteristiche dei professionisti sono evidenziate meglio (la velocità di Statham, la potenza di The Rock, l’inutilità di Scott Eastwood) e le inquadrature sono più dritte. C’è qualche rallenty a caso che non aggiunge nulla, ma più che fastidioso risulta inspiegabile.

Ho un solo rimpianto: in ogni episodio a cui ha preso parte, Dwayne Johnson è stato Dwayne Johnson per quasi tutto il tempo. Però c’è un momento, uno solo, in cui torna a essere The Rock e fa una mossa da wrestling quasi gratuita che è puro fanservice, come per esempio  la Rockbottom nell’episodio precedente. Anche lì c’era un’inquadratura capovolta di cui tuttora non mi capacito. In questo capitolo succede durante l’evasione dal carcere: Hobbs lotta contro un esercito di guardie e detenuti e a un certo punto rifila a un malcapitato un double knee gutbuster, che non ha alcun senso già di suo e sul cemento armato ne ha, se possibile, ancor meno. Purtroppo, anche in questo caso è un momento rapidissimo e inquadrato storto: pare quasi che il regista si vergogni di una mossa instrinsecamente sciocca, quando poi filma un duello aereo tra un’auto e un elicottero. Che questo sia un difetto trascurabilissimo in due ore in cui ne succedono d’ogni è vero, ma in ogni caso… niente, resta un difetto trascurabilissimo in due ore in cui ne succedono d’ogni. Al massimo resta la curiosità di vedere di quale mossa si vergogneranno la prossima volta.

Per conto mio, non aspetto altro.

Fast & Furious 8 – IMDbWikipedia

 

 

Luca Traversa
Passa sull’internet senza lasciare traccia e spera di continuare così. Ha due o tre ossessioni e non fa nulla per tenerle per sé.

Lascia un commento

Information

This article was written on 14 Apr 2017, and is filled under Non è il mio genere, Scuse per parlare di film.