Cose a caso su Ritorno al futuro


phphtc6qh

Il prossimo 21 ottobre alle 4 e 29 di pomeriggio la DeLorean guidata da Doc con a bordo Marty e Jennifer dovrebbe comparire nella nostra linea temporale, precisamente nella cittadina di Hill Valley in California. Se così non sarà diversi milioni di persone la prenderanno sul personale.

Di seguito troverete un elenco sragionato e totalmente casuale di curiosità riguardo questo bizzarro avvenimento.

  • Jennifer non è più lei. Cioè la Jennifer di Ritorno al futuro non è la stessa Jennifer di Ritorno al futuro parte seconda: l’attrice Claudia Wells non potè girare l’episodio due e venne sostituita da Elisabeth Shue. Questo significò rigirare l’ultima scena di Ritorno al futuro, perché da lì la parte seconda ricomincia. La seconda sequenza è quasi uguale fotogramma per fotogramma ma con qualche notevole differenza (es. l’esitazione di Doc!).
  • Anche George non è più lui ma in modo diverso: Crispin Glover non accettò l’ingaggio per la parte seconda e Zemeckis fece a meno di lui. Riutilizzò parte del girato del primo film e in parte Jeffrey Weissman tutto imbacuccato e a testa in giù per non farlo riconoscere (Glover fece causa e dopo questo episodio ci sono regole più stringenti sull’utilizzo dei girati senza consenso).

    La bionda è ovviamente Michael J. Fox

    La bionda è ovviamente Michael J. Fox

  • A proposito di DeLorean pare che la Ford avesse proposto un bonus di $75.000 per rendere una Mustang la vera protagonista del film. E pare che Zemeckis rispose con la frase “Doc Brown doesn’t drive a fucking Mustang!” – se capitate in qualche Comic Convention facile che troviate anche la maglietta con questa scritta.
    DSC05162
  • Nella versione iniziale dello script la macchina del tempo era un cubo portato in giro nel vano di un pick-up, ma vi immaginate che schifo?
  • Sembra invece che Toyota sia riuscita a far breccia.
  • Se siete impallinati c’è il bellissimo libro Back to the Future: The Ultimate Visual History di Michael Klastorin e Randal Atamaniuk che contiene numerose chicche, tra cui (e anche altre presenti in questo post):
    1477101324441481391
  • (Tra l’altro pare che durante le riprese la DeLorean abbia dato un mucchio di problemi, si rompesse sempre eccetera, ma noi facciamo finta di non saperlo)
  • #forsenonotuttisannoche il ruolo principale per Marty venne affidato a Eric Stoltz.
    1477101324743123119
  • Ma Zemeckis e Gale volevano Michael J. Fox fin da subito e il clima sul set con Stoltz (imposto da Sid Sheinberg allora a capo dell’Universal) non era dei migliori. Alla fine venne deciso di chiamare Michael J. Fox, buttando al vento circa 4 milioni di dollari di girato, e fu Zemeckis in persona a comunicare a Stoltz che era stato fatto fuori.
  • La sceneggiatura prima di finire alla Universal venne bocciata per 40 volte.
  • Nel frattempo Fox stava girando Casa Keaton, per cui era, diciamo così, piuttosto impegnato.
  • Chi NON era perdutamente innamorato di Ellen?
    1359611097305244518
  • Quando accettò Michael J. Fox disse: “In fondo ho 22 anni, a cosa mi serve dormire?”
  • Quindi: sveglia alle 9.30. Una vettura della Paramount lo porta negli studios. Provano fino alle 17, quando viene girata la puntata di Casa Keaton. Alle 18 arriva la vettura della Universal che lo porta agli studios o dove cavolo devono girare. Girano fino all’alba. Fox dorme quando può e dorme in macchina mentre lo riportano a casa. L’autista lo porta in braccio fino a letto dove si fa quelle due o tre ore di sonno prima che l’autista della Paramount arrivi e tutto ricominci.
  • Per tre mesi e mezzo.
  • Poi ci si chiede perché in Ritorno al futuro ci sono così tante sequenze girate di notte.
  • Dicevamo 40 rifiuti, tra cui notevole quello della Disney: “non produciamo film che parlano di incesto!”
  • Zemeckis e Gale avevano studiato alla USC’s film school, assieme a George Lucas, John Milius (sceneggiatore di Apocalypse Now), Randal Kleiser (Grease), e John Carpenter.
  • Nella catena di fallimenti che portò poi al successo di Ritorno al futuro c’è lo zampino di un altro ex allievo della USC’s film school.
  • Steven Spielberg.

    back-to-the-future

    La meraviglia di sta foto, io non so, calzini di Steve compresi!

  • Ritorno al futuro (il primo) fu campione d’incassi dell’anno 1985 battendo film del calibro di Rambo, Rocky IV, Cocoon, Breakfast Club, e soprattutto I Goonies.
  • Il secondo non andò così bene, nel 1989 arrivò terzo battuto da Indiana Jones e l’ultima crociata e Batman.
  • Comunque sia i tre film hanno raccolto qualcosa come un miliardo di dollari al botteghino.
  • Ancora niente hoverboard.
    1477101324847454639
  • Perché quello della Lexus, diciamocelo, è un po’ una patacca.
  • Zemeckis che è un burlone aveva messo in giro all’epoca la notizia che l’hoverboard era stato testato dalla Mattel che poi aveva deciso di non metterlo in commercio perché troppo pericoloso.
  • Mattel subissata di telefonate di gente che voleva acquistarlo lo stesso.
  • Nel film succede la cosa più sportivamente impossibile che si possa immaginare: i Cubs di Chicago che vincono le World Series.
    i
  • Beh, i Cubs sono ancora in corsa (e già questa è una notizia).
  • Hoverboard e macchine volanti a parte, rivedendo oggi il film lo sforzo immaginativo del 2015 è stato notevole. Teleconferenze, tablet, pagamento elettronico, videogiochi senza fili e molte altre cose erano state correttamente previste.
  • È anche vero che è successo il processo contrario: la Nike ha creato le scarpe che si autoallacciano ispirandosi esplicitamente a quelle che si vedono nel film (raccogliendo in un’asta su Ebay $4.7 milioni andati a finanziare la Michael J. Fox Foundation for Parkinson’s Research).
  • E la Pepsi?
  • Anche.
  • Sapete tutti chi è il bambinetto con la maglietta rossa, vero?
  • E sapete anche chi è che interpreta Needles?
  • C’è una cosa del primo film che mi ha sempre fatto impazzire
    Twin_Pines_Mall
    ed è questa:
    Lone_Pine_Mall
  • Poi ovviamente c’è la questione viaggi nel tempo. Futurepedia fa la spiegazione estesa e comprensibile ai più di tutte le timelines.
    Bttf
  • (Ci sarebbe la questione della gente che scompare per metà, dei giornali che si aggiornano e delle fotografie che si modificano MA STIAMO ANCORA FACENDO FINTA DI NIENTE)
  • Ritorno al futuro parte seconda è anche l’unico film a mia scarsa memoria che contenga un vero e proprio trailer (non solo anticipazioni o teasers) del suo sequel.

Appuntamento a Hill Valley il 21 ottobre!

Scrive romanzi e racconti. Da sempre appassionato di fantascienza e da quasi sempre di cinema e teatro, scrive di notte nel silenzio della campagna inglese o tormentato dal vento del Mare del Nord.

Lascia un commento

Information

This article was written on 20 Ott 2015, and is filled under Amarcord, Le storie del cine, Scuse per parlare di film.

Current post is tagged

, , ,