The Irishman – Back to the future


E così, grazie a Netflix, Scorsese si è ripreso in mano in Director’s Cut. È buffo: la famigerata ‘ultima parola del regista’ emblema della New Hollywood, e alla fine del decennio riarpionata dai produttori per contenere le spese diventate incontrollabili, è stata di nuovo concessa a Scorsese dalla piattaforma che 40 anni dopo ha rivoluzionato il modo di fruire il cinema.

E, come forse mai nella sua vita, Scorserse ha fatto un film a modo suo: lungo 3 ore e 40 minuti e con un cast stellare ma fuori parte.

Dopo che su questo film si è detto tutto, io vorrei qui soffermarmi proprio sulla scelta degli attori, l’aspetto più criticato. Il motivo per cui Scorsese ha scelto questo cast è stato dichiarato da Scorsese stesso con un candore disarmante: «Volevo fare questo film con i miei amici».

A noi però interessa cosa discende cinematograficamente da questa scelta. Quello che ne discende è ovviamente che il film sarebbe stato più credibile se Scorsese avesse scelto personaggi più adatti. Ci tocca perfino vedere De Niro con gli occhi azzurri.

Però, però. La credibilità è davvero così importante? Tra l’altro il film si basa sulla testimonianza dello stesso Frank Sheeran considerata poco credibile dagli inquirenti, e Scorsese lo sa perfettamente.

Il punto è un altro ed è che questo scollamento fra il contenuto e la sua confezione, questa fessura che incrina la sospensione dell’incredulità è molto intrigante, a mio modo di vedere. Innanzitutto perché non compromette né l’attenzione per la vicenda né l’apprezzamento per la confezione medesima, a partire dalle interpretazioni: abbiamo a che fare con dei maestri.

E poi questo scollamento, questo ‘passo a lato’ rispetto al set, è interessante perché sembra che Scorsese dica: ma ci interessa veramente questa pessima vicenda di miseria umana? Perché non giochiamo a fare cinema e basta? E in effetti resta il cinema. Di più: resta Scorsese che fa un film scorsesiano e al contempo dissacra tutto il suo cinema precedente.

In questo senso, ben lungi dall’essere un film crepuscolare, The Irishman mi è sembrato un ritorno all’origine del suo mestiere di regista. Ci sono addirittura sprazzi di Mean Street, per esempio in quei momenti in cui intuisci il ‘buona la prima’: all’epoca di Mean Street era perché non c’erano i soldi. Stavolta è perché magari Bob è uscito dall’auto un po’ troppo lento per un cinquantenne ma sticazzi, va bene così.

Quindi io non direi che The Irishman è crepuscolare, direi piuttosto che è un tornare all’origine. E il finale con i vecchi nell’ospizio è solo un vezzo : )

The Irishman – WikipediaIMDb

PS: non so se la scena che ho linkato per Mean Street fosse un “buona la prima” ma è una delle più belle presentazioni di un personaggio ever.

 

Lascia un commento

Information

This article was written on 07 Feb 2020, and is filled under Amarcord, Arredamenti Kubrick, Le storie del cine, Parlo mai di astrofisica io?, Scuse per parlare di film.

Current post is tagged

, , , , , , ,